No sense gratuito

Cari lettori,

in questo periodo della mia vita mi sembra che tutto vada storto.
Non so se sono io che vado a creare le situazioni di rottura o sono i problemi a venire a cercarmi (ma forse questa ipotesi è un po’ troppo egocentrica).
Ho l’impressione di non riuscire ad avere il controllo su nulla. 
Quando mi arrabbio non ottengo nulla, al massimo mi viene da piangere. Reazione che non porta a nulla. Vorrei essere una di quelle persone che quando perdono le staffe sbarellano per un po’ ma poi ripartono con nuova carica e forte determinazione.
Invece io non faccio altro che rimuginare sulle conversazioni che ho avuto, su quello che non ho detto e che avrei dovuto dire. Vado avanti così, a viaggi mentali. E giuro, sono così lunghi che a volte ho l’impressione di perdere completamente la strada.
Trovo simpatico il fatto, dato che il mio senso dell’orientamento nella vita reale è inesistente. Vorrei soltanto che qualcuno mi indicasse la strada giusta, ma forse crescere vuol dire che la via bisogna cercarsela e percorrerla da soli. 
Da una certa età in poi ho creduto che l’unica via che vale la pena intraprendere sia quella della verità, dell’onestà e della coerenza. Ho abbandonato le tracce di oscurità lasciate nel mio percorso di vita e ho deciso che la mia vita doveva essere per me piena di motivi per essere orgogliosa di me stessa. Questo perchè dire la verità ed essere coerenti nelle azioni con ciò che si dice è molto difficile e io ho pensato che affrontando queste difficoltà giorno per giorno sarei diventata più forte, più sicura di me, e che alla fine sarei diventata fiera della persona che sono riuscita a costruire.
E’ questo il grande problema: quello che si costruisce è reale o è solo una finzione?
Perchè quello che ho costruito sembra cedere di fronte a quello che ero prima di cominciare questo percorso. Sono mai stata la persona che ho cercato di essere o è stata soltanto un’illusione?  
Forse le persone forti, quelle che nella vita ce la fanno, non si fanno tutti questi scrupoli, agiscono a seconda della convenienza. Fanno. Pensano nel breve termine. 
Io invece penso per sempre, facendo probabilmente troppo poco.

Immagine correlata

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...